fbpx

Inseguendo la luce ritroviamo l’armonia

Paola Favretto © Lugano

Un’appartamento la cui ultima ristrutturazione risaliva a vent’anni fa aveva bisogno di ritrovare una sua identità e recuperare una coerenza e una luminosità compromesse da un pavimento scuro e disomogeneo e dall’affollamento di oggettistica. L’utilizzo di un nuovo materiale di rivestimento in un formato ampio, posato anche sul terrazzo, ha consentito di recuperare nell’ambiente la luce che l’affaccio aperto gli donava naturalmente e di ampliare la percezione dello spazio che quasi ingloba ora la porzione esterna, arredata per le cene d’estate, ma gradevole alla vista anche d’inverno.

L’alloggiamento della parte operativa della cucina non è mutato, ma l’inserimento di nuovi arredi e del nuovo rivestimento dilatano ora le proporzioni in maniera singolare.

I suoi giovani proprietari si sono sorpresi ad apprezzare il contrappunto delle pareti candide e dei toni sabbia, più neutri e freddi, che ora li ispirano naturalmente a un decòr più fresco e minimale che privilegia questa bella luminosità ritrovata e che si insinua anche nelle zone più interne dalla casa, attraverso il lungo corridoio che raggiunge le camere da letto.

Nei due bagni sono stati utilizzati specchi ampi – in un caso posizionati sulle pareti contigue – rivestimenti in formati extra large del medesimo materiale usato a pavimento, mobili contenitori di taglio moderno. Ora si allineano allo stile dell’appartamento senza trascurare la funzionalità.

Prima

Dopo

Prima

Dopo

Prima

Dopo

Prima

Dopo